I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info

Con delibera dell’AEEGSI approvato il piano per la messa in servizio dei sistemi di smart metering 2G

13/04/2017
Nell’ottica di un accesso non discriminatorio ai dati di prelievo e di evoluzione degli strumenti di misura.

Con la delibera 222/2017/R/eel del 7 aprile 2017 l’Autorità per l’Energia ha approvato il piano Enel da 3,8 miliardi per la messa in servizio dei contatori elettrici intelligenti di seconda generazione (2G) per il periodo 2017-2031. Il piano, presentato da e-distribuzione, prende avvio il 1° gennaio 2017.
La messa in servizio dei sistemi di smart metering 2G prevede una spesa di capitale complessiva compatibile con la soglia prevista dalla precedente deliberazione 646/2016/R/eel, con l’obiettivo di garantire la sostanziale invarianza delle tariffe del servizio di misura per i clienti finali.

L’AEEGSI ha ritenuto opportuno individuare alcune condizioni specifiche collegate all’approvazione del piano, a tutela dei clienti finali e dell’efficienza del servizio:
 
  • Con riferimento alla disponibilità dei dati del misuratore direttamente al cliente finale dotato di appositi dispositivi (chain 2) c’è l’obbligo di prevedere un numero massimo di interventi per verifiche presso i clienti di eventuali casi di interferenze sulla comunicazione tra misuratore e dispositivo di utenza, nell’ambito dell’impegno assunto da e-distribuzione di monitorare l’effettivo funzionamento in campo, comunicandone gli esiti all’Autorità;
  • L’obbligo di registrazione delle cause di sostituzione dei misuratori 2G;
  • L’obbligo di visualizzare sul display del misuratore i valori delle letture di sostituzione e i valori delle letture dei totalizzatori del mese precedente, come da impegno di e-distribuzione. Le letture devono essere visibili per almeno 18 mesi dalla data di sostituzione del misuratore;
  • L’obbligo di dare al cliente finale la possibilità di richiedere la verifica della lettura di sostituzione per 15 giorni;
  • L’esclusione della riconoscibilità tariffaria di eventuali futuri costi di intercambiabilità dei misuratori che dovessero insorgere per effetto di cessioni di porzioni di rete tra distributori che avessero adottato tecnologie differenti;
  • E-distribuzione deve inoltre  pubblicare sul sito internet la versione del piano aggiornata in base alle decisioni adottate con la delibera 222/2017/R/eel.
Per maggiori informazioni: http://www.autorita.energia.it/it/docs/17/222-17.htm
 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI ASSOCLIMA PER RICEVERE TUTTE LE NEWS

Vuoi rimanere sempre aggiornato?